Maturità 2015: la commissione sarà interna!

Non era nemmeno una settimana fa il giorno in cui abbiamo affrontato il tema della commissione d’esame (Commissari esterni, interni o misti?) e delle sue possibili trasformazioni verso un organo composto di soli docenti interni. Circolavano tante voci in proposito, ma nessuna veramente accolta o smentita dal Ministro dell’Istruzione. Almeno fino a un paio di giorni fa. Adesso, le parole della Giannini fanno ben intendere che sia ufficiale: la commissione dell’esame di Stato, già dal 2015, sarà composta di soli docenti interni all’Istituto e presieduta da un unico membro esterno. La prossima settimana sarà pubblico il documento di regolamento del nuovo esame di Stato.

stefania giannini commissione maturità interna

L’ha fatto sapere il Ministro stesso con un videoforum di risposta alle migliaia di domande pervenute dai cittadini, a proposito di tutti gli aspetti delle riforme in corso. Il ragionamento della Giannini, che si dice essere condiviso da tanti tecnici al lavoro sul documento finale delle riforme, si avvalora di un forte dato tstatistico: il 98% dei candidati all’esame di Stato supera la prova e ottiene il diploma. Ciò significa che, nello stato attuale, quasi la totalità degli studenti ammessi alla prova finale è promosso anche se in presenza di docenti sconosciuti, che, teoricamente, dovrebbero implicare una difficoltà maggiore. (altro…)

Esame di Maturità 2015: commissari esterni, interni o misti?

L’esame di maturità è sotto la lente d’ingrandimento delle riforme: ne avevamo già parlato in articoli precedenti (Aboliti tesina e commissari esterni? Le parole della Giannini e Ecco come cambierà la prima prova) e avevamo infatti trasmesso dubbi e interrogativi che circondano la tesina e la commissione d’esame mista. Proprio in merito a quest’ultimo punto, il Ministro Giannini ha espresso altre e ancora incerte parole.

Nessuna decisione è stata presa in tal senso”. Questa è stata la risposta del Ministro a chi ha chiesto spiegazioni circa l’eventualità di una commissione d’esame interamente di membri interni. In effetti, la Giannini aveva dichiarato in precedenza che la commissione mista non è la soluzione “scientificamente più valida”, lasciando intravedere la possibilità di eliminare i membri esterni all’esame di maturità. Scenario, a detta del Ministro, ancora indeterminato e forse rimandato.

commissione esame maturità 2015

UN PO’ DI STORIA – La commissione d’esame, ai tempi della riforma scolastica Gentile, era interamente esterna e quindi anche troppo oggettiva: non considerava molto l’intero percorso di maturazione e lo studente si trovava per la prima volta faccia a faccia con una grande responsabilità senza il minimo margine d’errore. Successivamente, con Berlinguer (Luigi), si è giunti ad una più equa condizione di commissione mista, così come la conosciamo oggi; si sono allora unite l’imparzialità dei membri esterni e la profondità di valutazione dei docenti interni all’Istituto.

(altro…)

Maturità 2015: aboliti tesina e commissari esterni? Le parole della Giannini

Nessuna tregua per i poveri maturandi del 2015. Le notizie riguardanti una nuova possibile Maturità continuano ad arrivare ed essere divulgate direttamente dal Miur, dopo quello che vi avevamo annunciato qui Maturità 2015: ecco come cambierà la prima prova. In particolare la Giannini ha voluto rendere chiara tutta la faccenda relativa al nuovo Esame di Stato che potrebbe già essere adottato da quest’anno rilasciando un’intervista a La Repubblica.

Analizziamo qui di seguito i punti cruciali di cui ha voluto parlare il ministro:

LA COMMISSIONE – La commissione d’Esame dovrebbe essere secondo il ministro interamente costituita da docenti interni. Conoscendo questi il percorso degli alunni durante l’anno precedente, infatti, saprebbero valutarli in modo migliore, non limitandosi a basarsi sulla performance di un giorno solo, dove l’ansia il più delle volte gioca brutti scherzi. I rischi? Che i favoritismi sviluppati durante l’anno facciano prevalere uno studente piuttosto che un altro!

maturità 2015 giannini

(altro…)

Abolizione Test di Medicina: la valutazione avverrà dopo il primo anno

Come aveva preannunciato, la Giannini è tornata sull’argomento nei giorni scorsi: il Test di Medicina sarà abolito dall’anno 2015. Al suo posto subentrerà un modello di sbarramento alla francese che prevede un accesso libero ma una verifica dei requisiti (di fatto un altro test) dopo i primi sei mesi o al massimo alla fine del primo anno. Si tratta ancora di un modello in fase di discussione e aperto alle modifiche, ma che già fa parlare, soprattutto rettori e professori. Gli studenti che ne avevano chiesto l’abolizione sin dallo scorso aprile, quando si erano svolti i Test di Medicina, ora festeggiano.

IL TEST È EFFICACE?

Ogni anno oltre 60.000 aspiranti camici bianchi si cimentano in test d’ingresso sempre più difficili, che comunque permettono l’accesso alle Facoltà a numero chiuso di Medicina e Odontoiatria solo a 10.000 matricole. Proprio sulle modalità e sulla reale efficacia di questo test si è interrogata il Ministro: “Quello su cui ci dobbiamo interrogare molto seriamente, e lo stiamo facendo a partire da questi giorni, è se il test, un quiz di sessanta domande senza alcuna considerazione del percorso scolastico, due ore per decidere non solo degli studi ma della vita di un ragazzo, sia lo strumento ideale – ha affermato la Giannini – Altri Paesi hanno altri modelli, io ho citato il modello francese, su cui stiamo lavorando come ipotesi applicabile in Italia, magari con alcune modifiche“.

abolizione test medicina giannini

(altro…)