“Io non credo nei miracoli” – #DiarioDiUnMaturando – Ep.4

[Continua da Voglia di studiare saltami addosso - #DiarioDiUnMaturando Ep.3]

“Io non credo nei miracoli”
Questa frase, presa dalla canzone vincitrice di SANREMO, mi è rimasta impressa.

Nemmeno io ci credo, o meglio, ci credevo.
Perché? Perché sto iniziando pian piano a recuperare le materie.
La cura funziona.
Quale cura? La mia grandissima invenzione, l’ho chiamata (con grande fantasia) : “Studia Studia”
Niente Tv, cellulare, computer Playstation, Xbox. Nulla di nulla, solo io e il libri, i libri ed io. Mi sento un eremita, un Leopardi del 21° secolo, ma ehi, questo e altro per passare questa dannatissima Maturità. GTA V e FIFA 2014 possono attendere! Quest’estate avrò tutto il tempo per giocarci.

arisa-maturità

Ma quanto manca all’esame?

A volte troppo tanto, soprattutto quando penso che una volta volta passato potrò dire fine a tutto questo stress, alle domande dei parenti del tipo: “Ma stai studiando per la maturità?”, all’ansia. (altro…)

Prima prova maturità 2014: ecco quali tracce si aspettano i maturandi

Cosa uscirà in prima prova di maturità 2014La prima prova di maturità, l’inizio ufficiale dell’esame di stato, quello nel quale si conoscono per la prima volta i commissari esterni e si capisce effettivamente come sarà la maturità. Come si suol dire “Chi ben comincia è a metà dell’opera” quindi dobbiamo arrivare preparati in vista del 18 giugno.

Ma cosa si aspettano i maturandi dalla prima prova? Abbiamo fatto questa domanda sulla pagina ufficiale della maturità Maturità 2014: Tocca a me per vedere cosa sarebbe uscito dalle “menti malate” di questi poveri maturandi.

Le risposte sono state davvero delle più disparate: c’è chi la butta sul ridere sperando in una traccia del tipo “Parlami delle tue vacanze di Natale”, “Descrivimi la tua mamma” oppure “Quanto odi il latino, il greco e la matematica e i motivi di quest’odio”… Tra di loro però c’è anche chi spera in una traccia sul cinema, “Università, perchè si? perchè no?” o il “problema dell’immigrazione, tra confronto tra gli anni ’20 e i giorni nostri”.

Per quanto riguarda la Tipologia A, ovvero l’analisi di testo, svetta su tutti Giacomo Leopardi, seguito da Gabriele D’Annunzio, Verga e Machiavelli?!?!? Anche qui però qualcuno si è lasciato prendere un po dalla fantasia andando a scomodare personaggi famosi come J.K Rowling, Homer Simpson e Sheldon Cooper. Analizzando la maturità dell’anno scorso dove è uscito Claudio Magris, non dovremmo stupirci se quest’anno uscisse un autore semi-sconosciuto o completamente inaspettato.

Se sei ancora impreparato sul tema di maturità e vuoi allenarti un po CLICCA QUI e allenati con le prove del passato.

l'orologio bigliettino per passare i debiti

Scritto da La Francy

E se alla prima prova uscisse Leopardi?

Troppo spesso nelle ultime ore ho sentito il nome di Leopardi! Non so se è una premonizione, però forse è meglio ripassare qualcosa, onde evitare il panico da foglio bianco!:-)

Da quanto dice l’ispettore del Ministero Favini, colui che fa le tracce, non dovrebbe capire un autore che non appartiene al programma di quinta… ma non si può mai sapere: qualche anno fa per esempio uscì Dante!

Facciamo un piccolo ripasso: Giacomo Leopardi è simbolo del romanticismo letterario e porta avanti una personale riflessione sull’esistenza e sulla condizione umana di ispirazione sensista e materialista.

I temi trattati da Leopardi sono svariati, dalla solitudine tema principale dell’autore, alla voglia di evadere da quella Recanati definita da lui come città piena di insensataggine e stupidità.

Per dare una lettura originale di Leopardi, ci si può basare sulla composizione “Il passero solitario”, testo nel quale Leopardi spiega come lui si senta diverso dalla gioventù moderna: non si sente attratto dalle attività dei suoi coetanei, ma preferisce andare da solo per la campagna o studiare nella sua cupa biblioteca.

Leopardi quindi si immedesima sostanzialmente in un passero solitario, questo senso di solitudine non provoca in lui però dolore, perché come il passero solitario, lui ha l’indole di restare solo, vivendo tenendo conto solamente a sé stesso. Ci spiega quindi come quando sarà vecchio, non rimpiangerà il fatto di aver trascorso una insolita gioventù.

leopardi

Altro argomento che nei nostri giorni, si incastra a meraviglia con la solitudine, è il pessimismo. Leopardi concepisce questo tema sostanzialmente in due modi:

- PESSIMISMO STORICO: pessimismo che pone la ragione come centro dell’infelicità. La ragione infatti cancella le illusioni, i sogni, le speranze che venivano alimentate dalla natura fonte a sua volta di vitalità, illusioni e risorse sul piano artistico e sentimentale. La natura quindi è benigna e la ragione maligna.

- PESSIMISMO COSMICO: pessimismo che pone in contraddizione l’uomo e la natura, l’autore enuncia la teoria del piacere, secondo la quale la felicità dell’uomo non è quella ultraterrena o spirituale, ma «una felicità materiale, e da essere sperimentata dai sensi…una felicità insomma di questa vita e di questa esistenza.…». Ma tale aspirazione è destinata a essere insoddisfatta, perché la natura dell’uomo comporta malattie, vecchiaia e fugacità al piacere.

- TITANISMO: secondo il quale l’uomo è costretto a vivere nell’infelicità, alla quale non vi è rimedio. Il modo per recuperare perdute illusioni è quello di innalzarsi ad un livello eroico, attraverso il rischio e il disprezzo della vita e in nome ad una sfida al destino.

Secondo queste fonti possiamo quindi capire come Leopardi, autore del ’800, tratti temi tutt’ora moderni e che quindi sono causa di discussioni ancora aperte, proprio per queste vengono inserite in tesine di molti studenti italiani, e proprio per questo potrebbe trovarsi nella prima prova (e non per forza nella tipologia A, ma anche in quella B, come frammento!)

Scritto da La Francy

Tesina di maturità sul bene e il male…l’eterno scontro

Tesina di maturità tra il bene e il male

Tesina il bene e il male
  • Filosofia: Liebniz e Nietzsche
  • Italiano: Pascoli,Leopardi e Montale
  • Latino: Seneca
  • Inglese: Samuel Beckett
  • Letteratura: Dante
  • Gegrafia astronomica: La Terra
  • Matematica: I limiti

Clicca qui per scaricare la tesina:

DOWNLOAD TESINA

CLICCA QUI per scaricarla in .doc

Tesine esami di maturita 2013: voto 60

e un calcio in culo

In questa tesina di maturità cercheremo di affrontare il contrasto tra il bene e il male. Da una parte gli scrittori che hanno incontrato il male e di questo ne hanno scritto come Montale, Seneca e Pascoli, dall’altra invece chi scrive del bene come Dante. In storia portiamo la Shoah come “il male del passato”, in inglese Samuel Beckett con “Void,absence of god” e per concludere la tesina di maturità  inseriamo la Terra in geografia astronomica e matematica con i limiti


Scritto da La Francy